TeatriDiVetro 2013 - IO NON HO PAURA

visualFestival delle arti sceniche contemporanee 7a edizione
direzione artistica Roberta Nicolai
ideazione e realizzazione a cura di triangolo scaleno teatro

21 / 30 aprile 2013 - ROMA

Biglietto d'ingresso ridotto a 5,00 €

per i Possessori di MArteCard


La pluralità dei linguaggi artistici contemporanei:  teatro, danza, videoteatro, arti visive, musica e audiodocumentari 

La settima edizione si focalizza sulle drammaturgie contemporanee, affiancando artisti come Compagnia MusellaMazzarelli, Andrea Cosentino (che, prima dello spettacolo, presenterà il libro Primi passi sulla luna - Tic Edizioni), Carrozzeria Orfeo, Quotidiana.com, a giovani formazioni Leviedelfool, Clinica Mammut, FarmaciaZooè e alle azioni performative di Giulio Stasi, Irene Mattioli, Fedra Boscaro e Las Vegas di Tobia Rossi, testo vincitore del Bando Urgenze, curato da Giuseppe Manfridi.

Conclude la seconda tappa del progetto Across Lightblack di Dynamis teatro con la grande maratona performativa in contemporanea tra Roma, Milano,  Napoli e Ravenna.

Apre alle scritture coreografiche di Sonia Brunelli/Barokthegreat, di Chiara Bersani, il debutto di Paola Bianchi e gli elaborati coreografici di Maddai.

S’innesta nel progetto Waiting for dna, gli incontri dedicati alla danza contemporanea, con la lecture demostration di Alessandra Cristiani, Sonia Brunelli e il confronto tra Alessandra Sini e Silvia Gribaudi.

Gli interventi degli artisti selezionati per la sezione arti visive si articolano in un percorso urbano nel quartiere della Garbatella. Davide Coluzzi, Valeria Crociata, Daniele Villa, Maria Carmela Milano presentano videoproiezioni, installazioni luminose, knitting art che nascono con l'intenzione e la potenzialità di una fruizione pubblica e collettiva e vanno a completare la fitta programmazione di spettacoli e performance del festival.

Per il videoteatro e la videodanza, agli artisti selezionati tramite bando, Matteo Maffesanti e Annika Pannitto, si aggiunge la mostra personale di Filippo Berta con cinque video installati nel foyer del Teatro Palladium di Garbatella.

Camera 21 dedica un video documentario alla memoria in occasione della festa della Liberazione.

La sezione musica indaga sul costante rapporto che esiste tra l’analogico e il digitale, aprendo al Forte Fanfulla con Aidoru, Calbucci/Carcasi/Giorgi, Mui e Cabeki, attraversando i lotti della Garbatella con le incursioni audiovisive di Muvic e K-Conjog/Francesco Lettieri e chiudendo alle Fonderie Digitali del Mandrione con le performance vocali e sonore di Mushy e Olympian gossip.

La sezione dedicata all’audiodocumentario d’autore programma tre opere di Ornella Bellucci offrendo l’ascolto live di reportage tra attualità e memoria storica.


Ospiti del festival le mostre Eye of the beholder curata da Eva Tomei e Per una geografia immaginale del pittore Fabio Pini.

Teatri di Vetro, nato dall’intento politico di rendere visibile la creazione artistica, di un territorio cittadino prima, nazionale poi, si è trasformato, anno dopo anno, in un’indagine sul contemporaneo, un progetto multiforme che ascolta e asseconda il suo oggetto.